Ore 12 - Berlusconi "cucina" anche Casini

altroQuando il gioco si fa duro, i duri giocano. E, si sa, Silvio Berlusconi non sarà bravo di lima e di ago e filo, ma con l’accetta non lo batte nessuno.

Ieri è stato un fiume in piena. Ce n’era per tutti. In particolare per il “traditore” Fini e, tanto per chiudere definitivamente un altro fronte, anche Casini ha avuto il … “benservito”.

Stavolta il Cavaliere non ci ha girato intorno, accusando l’Udc di perseguire unicamente “il tornaconto personale di Casini”. Tanto per gradire.

Ma c’è altro, con il premier che sbatte la porta in faccia al leder centrista: “Non considero i voti dell’Udc nel computo per la fiducia. L’Udc ha perso un’occasione quando c’è stata l’operazione dei finiani ed era importante continuare con un governo solido e con davanti quasi tre anni di lavoro”.

Se le giravolte di Casini erano solo tatticismi per alzare la posta, adesso pare proprio che non c’è più spazio di manovra. Berlusconi ha cancellato Casini dall’elenco sempre più striminzito degli “amici”.

S’ingrossano, così, le file di chi teorizza che “i nemici tuoi sono amici miei”. Bersani punta tutto su questo. Ma, con il … doroteismo da tortellini di Casini, mai dire mai.

E Berlusconi, alla fin fine, confida proprio su questo. Non foss’altro che entrambi in Europa, stanno sotto l’ombrello del Ppe. Poco? Di questi tempi tutto fa brodo. Anche una telefonata all’ultimo momento che offre una manciata di ministri e sottosegretari.

Ecco perché Casini ha l’orecchio sempre teso sul telefonino. Montezemolo dice che l’one man show è finito. Sarà vero?

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO