Frattini e Berlusconi giocano all'auto-complotto. E Napolitano avverte ...

Anche il Palazzo ha due facce. La faccia irresponsabile di Palazzo Chigi, con il Governo in agonia che inventa l’auto-complotto galattico e con il Premier bollito che rilancia la crociata contro i “media criminali”.

La faccia responsabile del Quirinale, con Giorgio Napolitano che lancia l'allarme sul futuro dell'Euro.

“È molto difficile - dice il Capo dello Stato durante la cerimonia di avvio dell'undicesimo foro di dialogo Italia-Spagna - fare una graduatoria delle conseguenze negative della crisi. Ma la peggiore è il fatto che oggi sono messi in forse i valori e le principali fondamenta del processo di integrazione europeo. Non dobbiamo nasconderci la gravità dei segnali. Oggi sono messe in questione e non sono sufficientemente garantite la moneta unica, il metodo comunitario, e lo stesso principio di solidarietà”.

Napolitano chiede più solidarietà tra gli stati dell'Unione Europea. Citando Jacques Delors, il capo dello Stato sostiene che bisogna recuperare “la solidarietà che unisce. Senza la solidarietà nessun paese potrà salvaguardare i propri principi e le proprie conquiste”.

Napolitano invita poi a riflettere su come tutelare questi principi: “non possiamo sfuggire il tema del modo in cui le nostre economie sono cresciute e si sono sviluppate. Non possiamo illuderci che possiamo fronteggiare la crisi ripercorrendo le strade del passato. Il contesto mondiale non ci consentirà di farlo: dobbiamo quindi ripensare il nostro modello di sviluppo”.

Tale e quale il monito di pochi giorni addietro lanciato dal Papa. Napolitano e Benedetto XVI forse parlano alle nuvole. Il Belpaese è nel fango. Ha altro da fare.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO