Il protagonista di oggi è Roberta Bonasia, fidanzata di Berlusconi, Vallanzasca o Sgarbi?


Nicole Minetti, consigliere della regione Lombardia, è stata intercettata mentre parlava con Silvio Berlusconi, presidente del Consiglio. L’uomo avrebbe rivelato alla donna di conoscere la vera età di Ruby.

Per il 71% dei lettori di Polisblog che hanno partecipato ad uno dei nostri sondaggi questa telefonata è il fatto di ieri, lunedì 17 gennaio. Nicole Minetti ha avuto la meglio sul video dello stesso Berlusconi (18%) e la preoccupazione di Umberto Bossi (11%). Quali sono le notizie di oggi?

Nel video divulgato domenica, qui i dettagli, Silvio Berlusconi parlava per la prima volta in pubblico della sua nuova fidanzata. Nella giornata di ieri si è discusso molto dell’identità di questa donna. La stessa Minetti ha specificato di non essere lei la dama bianca di Berlusconi.

Le notizie politiche di martedì 18 gennaio 2011Le notizie politiche di martedì 18 gennaio 2011Le notizie politiche di martedì 18 gennaio 2011

Nella serata di ieri un nome si è fatto largo tra i tanti ipotizzati. Roberta Bonasia sarebbe la nuova fidanzata di Silvio Berlusconi. La ragazza ha 26 anni. L’anno scorso ha partecipato a Miss Italia.

Venerdì prossimo, 21 gennaio, esce il “Vallanzasca, gli angeli del male”. Davide Cavallotto, deputato della Lega Nord, ha invitato i cittadini a boicottare il film di Placido. Secondo l’esponete politico il regista ha elevato a eroe un assassino spietato:

“Dopo aver pubblicizzato la mafia in tutto il mondo e reso celebre da Nord a Sud la sanguinaria Banda della Magliana di Roma, non ancora soddisfatto il cattivo maestro Michele Placido è salito in cattedra per elevare a eroe lo spietato assassino Renato Vallanzasca.

Utilizzare giovani e affascinanti attori allo scopo di sdoganare l'immagine di personaggi che dovrebbero cadere nell'oblio per i crimini commessi è un insulto alla memoria delle vittime e una crudeltà verso i loro parenti”.

L’anno scorso Maurizio Belpietro, direttore di Libero, è stato aggredito. La scorta del giornalista ha impedito che all’uomo venisse fatto del male. Da quel giorno si è riaperto un dibattito sulle scorte dei personaggi pubblici. La prefettura di Trapani l’ha revocata a Vittorio Sgarbi, sindaco di Salemi. Sgarbi non condivide la decisione:

“Evidentemente per la prefettura di Trapani la presenza di un sindaco così esposto, popolarissimo, più volte minacciato, non rientra negli obiettivi da tutelare. La stessa istituzione del museo della mafia ha rappresentato una proposta altamente rischiosa, non diversamente, per esempio, dalle denunce giornalistiche e letterarie di Roberto Saviano a cui nessuno si sognerebbe di togliere la scorta.

Evidentemente chi non rientra nelle logiche dell’antimafia di maniera, non merita di essere tutelato. Ogni giorno, da quando sono sindaco, ho ricevuto telefonate anonime e di minaccia”.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO