Ruby-gate: serve chiarezza e responsabilità

altroLa gente è più frastornata, divisa e incazzata di prima ed esige chiarezza su quest’ultima inquietante vicenda che vede protagonista Silvio Berlusconi.

Stando alle carte dei pm in Parlamento l’ immagine del premier è sbriciolata.

Non è il ricorso anticipato alle urne, vera e propria carta dalla disperazione, che può sciogliere i nodi. Perché il voto viene brandito come clava per chiudere la questione “infetta”, sotterrandola come si fa con le scorie radioattive, senza chiarire nulla.

Chi pensa che il voto può essere contrapposto alla magistratura, togliendole legittimità e credibilità, non solo bara ma lo strumentalizza inficiando lo stato di diritto. Quindi?

Da una parte, la magistratura non ha bisogno di rivendicare, come invece ha fatto ieri il procuratore capo di Milano Bruti Liberati, “rispetto per il lavoro dei suoi uffici” e precisare che quel lavoro “si svolge nel pieno rispetto dei principi costituzionali”.

Qui siamo in presenza di una situazione non ordinaria, che vede accusato il capo del governo dell’Italia. Spetta alla magistratura dimostrare senza manfrine e astiosità di varia natura, che l’impianto accusatorio nei confronti di Berlusconi “poggia su solide basi”, (prove non indizi) e non è una polpetta avvelenata per dar fuori il premier, un escamotage per destabilizzare il quadro politico italiano.

Dall’altra, spetta a Berlusconi alzare l’asticella, cambiare gioco, non temere di entrare nel merito e spiegare, prima di tutto in tribunale, le vicende per cui è accusato e per le quali si sente “perseguitato”.

Berlusconi deve “semplicemente” dimostrare che quelle accuse dei pn milanesi sono infondate. Solo così può dire che è davvero innocente. Solo così, poi, può (se la maggioranza regge in Parlamento) riprendere l’azione di governo interrotta o appellarsi alle urne.

In caso contrario, chiuso nel bunker di Arcore o affidandosi ai videomessaggi, è evidente che Berlusconi teme la giustizia perché è nel torto. E in quel caso punta sulle urne come blitz per salvare se stesso mandando in rovina il Paese.

E le opposizioni? Zero. Giocano solo di rimessa. Preoccupato per l’evoluzione della vicenda e per i possibili contraccolpi sul governo e sulla legislatura è Napolitano. Ma che può fare il capo dello Stato?

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO