Lega Nord e lavoro: nel Veneto di Zaia un' impresa di moda su quattro è asiatica

zaia Avete presente la Lega Nord e tutti i suoi illustrissimi esponenti - Salvini, Borghezio, Bricolo, Calderoli, Castelli, Zaia, Bossi - e le loro parole di fuoco ogni volta che si parla di immigrati? Ecco, tenete a mente che quasi sempre solo di parole si tratta.

A dimostrarlo una volta di più un'indagine di Confartigianato che ci mostra come il Veneto, terra governata da destra e Lega da tempo immemore, sia terra di conquista per imprenditori stranieri: alla faccia del Made in Italy, o Made in Padania se non vi suona ridicolo.

In Veneto un imprenditore alla moda su quattro è cinese.

Dice Giuseppe Baiardo presidente dell’Acrib:


Come giudico le aziende che si affidano ai laboratori cinesi? È una necessità, lo faccio anch’io. Se non ci fossero loro dovremmo delocalizzare tutti. Provate ad andare nelle concerie di Arzignano nel Vicentino, entri nelle fabbriche e ti sembra di essere all’estero.

In questo ovviamente non c'è niente di male, e neanche di strano probabilmente, non fosse che ci troviamo nella terra che Zaia e compagnia presentano come la roccaforte dell'identità lombardo-veneta, il fiore all'occhiello delle promesse leghiste che si fanno realtà. Non è così, anzi.

Dai dati di Confartigianato in Veneto la metà delle 4 mila imprese cinesi operano nella moda, circa un quarto del totale del settore. Naturalmente le industrie asiatiche prosperano sulle basi di costi bassissimi, rapidità nelle consegne e alta flessibilità, ma in tutto questo è fiorente nel territorio governato da Zaia anche l'illegalità.

Dichiara sempre la Confartigianato:


Si è riscontrato che molto spesso i laboratori vengono fatti aprire a dei prestanome controllabili, in realtà la regia è gestita da altre persone sempre le stesse, tipo capi clan locali. I laboratori, una volta ottenuta la partita Iva, iniziano a lavorare notte e giorno per un anno e mezzo senza versare un euro di Iva. Questo perché non superando i due esercizi fiscali riescono a evitare i controlli.

Piacerebbe sapere a noi, ma soprattutto ai cittadini veneti e agli imprenditori locali, cosa stia facendo per loro il binomio Lega + Pdl da anni in controllo totale del territorio. Perché se le imprese locali calano in concomitanza della crisi, i dati dicono che le industrie asiatiche crescono e conquistano fette sempre più ampio di territorio.

Ma la Lega non era quella del "non passeranno" e dei "calci nel culo"? Una cosa si è capita, in questi anni di passi in avanti e dietrofront del partito di Bossi: a chiacchiere sono veramente bravi, quasi come il loro padrone di Arcore. I problemi vengono fuori quando si passa ai fatti e si va a vedere cosa veramente la Lega Nord realizza di quello che promette.

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO