Il Partito du Pilu vale il 9%

Tempi grami, tempi di protesta. Ma in fondo in Italia siamo sempre in protesta e le forze politiche che la cavalcano nel tempo si sono sempre ritagliate una bella rendita, che fossero puramente antisistema, come l'Uomo Qualunque di Giannini o portatrici di un'alternativa come Lega e Italia dei Valori.

Anche l'elezione in Parlamento di Cicciolina si può ascrivere a questo contesto,a ma una vera novità è l'ascesa di un fenomeno mediatico/spettacolare come il Partito do Pilu, nato da una riuscitissima parodia di Antonio Albanese.

La forza politica di Cetto Laqualunque, al centro del film Qualunquemente la cui uscita è prevista per domani in tutte le sale, vale addirittura un 9% potenziale, secondo le rilevazioni dell'istituto Lorien Pubblic Affairs. Il tutto suddiviso in un 2,3% di elettori sicuri del proprio voto, più un altro 6-7% che "molto probabilmente" lo voterebbe.

Chiaro che un conto sono le intenzioni di voto, anche goliardiche, espresse in un sondaggio così curioso, un altro la croce effettiva sulla scheda; però il dato è interessante lo stesso, soprattutto alla luce della ripartizione. Solo le 3 forze principali non avrebbero infatti da temere perdite dagli alfieri del "'chiu pilu per tutti": Pd, Pdl e Lega.

Tutti gli altri perderebbero consensi, compresi Idv e Sel di Vendola. Ma ovviamente anche le 5 Stelle di Beppe Grillo.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO