Immigrazione e scioperi: oggi in tutta Italia mobilitazione del Movimento Primo Marzo


Oggi in molte piazze di tutta Italia ci saranno banchetti informativi e sit in che parlano di immigrazione. Momenti d'incontro, concerti e spettacoli per riflettere su un tema così delicato e così strumentalizzato nel paese. A organizzare la giornata, così come un anno fa, il Movimento Primo Marzo, nato per volontà degli immigrati di cui ricordiamo lo sciopero di un anno fa per riaffermare la loro centralità nell'economia italiana.

Qui trovate tutti gli appuntamenti di oggi. A Milano ritrovo alle 18 in Piazza Duca d'Aosta, a Roma a Piazza dell'Esquilino sempre alle 18. Le richieste del movimento e di tutte le sigle che aderiscono sono molteplici: l’abrogazione della Bossi-Fini e, in particolare, del nesso tra contratto di lavoro e permesso di soggiorno; l’applicazione e l’estensione dell’articolo 18 del testo unico sull’immigrazione come tutela per tutti i lavoratori che denuncino di essere stati costretti all’irregolarità del lavoro, l’abrogazione del reato di clandestinità e del pacchetto sicurezza.

E ancora: l’abolizione del permesso di soggiorno a punti; la chiusura dei CIE; il riconoscimento della cittadinanza e una legge che garantisca l’esercizio della piena cittadinanza a chi nasce e cresce in Italia; una legge organica e adeguata per la tutela dei rifugiati e dei richiedenti asilo.

Tutti temi molto sensibili e che trovano un muro in questo governo di ispirazione leghista. Come abbiamo visto con il click day, anche le procedure burocratiche rendono invivibile la permanenza in Italia di immigrati con un lavoro regolare.

E' il secondo anno che viene organizzata questa protesta: quest'anno è dedicata a Noureddine Adnane, il venditore ambulante bruciatosi a Palermo, e alle rivoluzioni del Nord Africa.

L'ispirazione della giornata nasce nelle parole stesse che leggiamo nel comunicato di presentazione del gruppo:

Cosa succederebbe se i quattro milioni e mezzo di immigrati che vivono in Italia decidessero di incrociare le braccia per un giorno? E se a sostenere la loro azione ci fossero anche i milioni di italiani stanchi del razzismo?

Per maggiori informazioni potete consultare qui la pagina Facebook del movimento.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO