Movimento 5 Stelle | Nicola Morra è il nuovo capogruppo al Senato

Sfida tra ortodossi e dissidenti. Nel M5S l'elezione del nuovo capogruppo è anche un modo per andare alla conta.

14.42 Altre dichiarazioni da parte del neo capogruppo: "Luis Orellana sarebbe stato certamente meglio di me. Vi chiedo di essermi accanto, d’aiuto, di critica ma costruttiva e propositiva. La porta del mio studio sarà sempre aperta, insieme si cresce, da soli si va alla deriva. Abbiamo avuto confronti aspri, ma l’asprezza non deve tradursi in altro. Spero di essere utile alla causa del Movimento, non esiste un leader e 52 gregari, ma siamo 53 fratelli. E’ questa la filosofia con cui è nato il Movimento. Vorrei ci fosse uno spirito di servizio della comunità. Dobbiamo dire parole di chiarezza sempre. Tutti, dal primo all’ultimo, devono sentirsi felice di essere sulla stessa barca".

13.50. Parla Nicola Morra, dopo i ringraziamenti di rito e il saluto a Vito Crimi: "Ci sono 4mila contatti sul web, anche questo è sinonimo di partecipazione. Dobbiamo risvegliare la coscienza dei cittadini, quanto più c'è partecipazione, meglio è".

13.46 Eletto il nuovo capogruppo al Senato: Nicola Morra, considerato ortodosso vicino alle posizioni di Beppe Grillo.

Il ballottaggio tra Orellana e Morra

Nuovo capogruppo lo sarà solo di nome, visto che nominalmente alla guida del Movimento 5 Stelle al Senato rimarrà Vito Crimi, per una questione burocratica; ma comunque oggi si deciderà chi dovrà prenderne il posto tra Nicola Morra e Luis Orellana.

Inevitabilmente nell'elezione del nuovo capogruppo entra la questione dei dissidenti M5S. La ragione è semplice: l'elezione di questo pomeriggio sarà anche un modo di contarsi, visto che Luis Orellana è considerato, se non proprio un ribelle, di sicuro un dialogante; mentre Nicola Morra è schierato nelle fila degli ortodossi. Al primo turno l'aveva spuntata quest'ultimo, ma per pochissimi voti, e nel complesso la situazione sembrerebbe favorire Orellana, anche se è probabile che un moto "ortodosso" prenda corpo nel M5S portando all'elezione di Morra.

Nell'attesa dell'elezione, è stato mandato in onda un videomessaggio di Vito Crimi, che ha salutato tutti tirando un bilancio positivo dell'azione del gruppo al Senato e sottolineando come si sia trattato di mesi difficili, in cui sono stati tutti presi in mezzo a una pressione ancora più forte di quanto si sarebbero immaginati e che, lui per primo, si è trovato nel tritacarne, riuscendo a resistere grazie alla solidarietà di un gruppo che "non è spaccato, come raccontano i giornali, ma in cui semplicemente c'è dialettica democratica".

Resta il fatto che l'elezione di oggi potrebbe inaugurare un nuovo corso per l'M5S: tra poco le votazioni ci diranno se sarà così.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO